please wait, site is loading

Biobibliografia

Biobibliografia

 

 

Questo mondo è pregno di Dio

Beata Angela da Foligno

 

Le immagini di Giovanna Bruschi sembrano veramente soffrire e gioire, di momento in momento, per questa nascita misteriosa. Sono forme carezzevoli e lancinanti, appaganti e inquiete, cesellate e indefinite: forme che trionfano e si annullano, assetate d’Oltre.

 

Si può dire che tutta la vita di Giovanna Bruschi sia sete e ricerca.

 

Giovanna Bruschi si diploma presso l’Istituto d’Arte Bernardino di Betto a Perugia, sua città natale; consegue rapidamente la Licenza in Pittura presso l’Accademia di Belle Arti Pietro Vannucci, annessa allo stesso Istituto, vivendo l’esperienza culturale-formativa con straordinari maestri come Gerardo Dottori, Diego Donati, Adelmo Maribelli e Dante Filippucci. Successivamente ottiene l’abilitazione per l’insegnamento di Disegno e Storia dell’Arte iniziando l’attività di docente in vari Licei e presso l’istituto sperimentale I.T.A.S. Giordano Bruno di Perugia, dove oltre all’insegnamento della Storia dell’Arte nell’Indirizzo Linguistico, coordina vari gruppi di insegnanti e studenti impegnati nelle attività di progetto, trasferendo loro il suo entusiasmo. Frequenta parallelamente, con una certa sistematicità, lo studio del celebre incisore Diego Donati, che considera suo maestro.

 

E, insieme, la tensione verso l’Indefinibile, la ricerca della Via. La Via è il Cammino stesso, è il dolore e l’amore del Viaggio, della Vita.

 

Nel quinquennio, 1990-1995, illustra due libri sull’esperienza mistica della Beata Angela da Foligno, intitolati non a caso Il Viaggio. Esperienza mistica di Angela da Foligno (Foligno, Cenacolo B. Angela da Foligno, 1991) e La figlia dell’estasi. Biografia spirituale della Beata Angela da Foligno (Padova, Edizioni Messaggero, 1995).

 

La Via è la ricerca dell’Essere attraverso il Suo mantello di gloria, attraverso la festa delle forme, il caleidoscopio degli esistenti.

 

Giovanna Bruschi è presente con le sue opere più pregnanti in collezioni pubbliche, private e museali: Fregio del pensiero 2003, rientra nella Collezione del Museo d’Arte Contemporanea “Padre Felice Rossetti”, Domus Pacis – Santa Maria degli Angeli, Assisi; una sua pittura ad olio è  nella Sala dei Sindaci di Palazzo dei Priori del Comune di Perugia – ritratto del Sindaco Mario Caraffini; una cartella di acqueforti su Assisi è nella “Biblioteca” del Senato a Roma; collezione CAMEP, Manifesto Edizione 2010 della rievocazione dei circuiti di Perugia e del Trasimeno, Corsa Ideale.

 

Inserita in circoli culturali e Accademie, ha ricevuto nella sua città il titolo di Accademico di Merito dall’Accademia di Belle Arti Pietro Vannucci; è socia Ordinaria dell’Accademia Properziana del Subasio di Assisi; nel maggio 2007 riceve il “Premio alla Cultura” Il Corimbo “Pensiero e Immagini” VI Edizione ed è iscritta all’Albo D’Oro del Premio come Socia Onoraria. Dal 1985 figura nell’Archivio per l’Arte Italiana del Novecento presso il Kunsthistorisches Institut di Firenze e dal 2005, nell’Archivio Bioiconografico della Galleria Nazionale dell’Arte Moderna di Roma.

 

Importanti sono i concorsi vinti, così come le mostre personali e collettive che hanno trovato accoglienza calorosa in ogni parte d’Italia.

 

È autrice delle copertine di numerose opere letterarie:

  • Angelus Novus, in Bruno Dozzini,
  • Il nutrimento nascosto (poesie), Perugia, Guerra Edizioni, 2002.
  • È autrice dei disegni Lo stàsimo – T’ho visto – Oh sole – Un riemergere antico, nel volume di Bruno Dozzini, Intuizioni e no (poesie), Perugia, Guerra Edizioni, 2003.
  • Nello stesso anno esce il catalogo Giovanna Bruschi opera grafica 1977-2003 e l’estratto al catalogo Giovanna Bruschi Fregio del pensiero, Perugia, Guerra Edizioni, 2003.
  • Disegna il ritratto giovanile del Poeta Bruno Dozzini per la copertina del volume Bruno Dozzini – Tutte le poesie, Perugia, Guerra Edizioni, 2005.

Inoltre due sue opere, Angelus Novus e Lugo – Perugia, sono riprodotte nella copertina del catalogo Perugia Passato Presente curato da Armando Alberati per la mostra fotografica del Comune di Perugia, Lugo (Spagna) 12 settembre 2002, Perugia, Copy Center Elce, 2002.

 

Nel 2010 interpreta alcune poesie di Angelo Veneziani per il libro Provvido Risveglio e sempre nello stesso anno crea la copertina per la raccolta di poesie di Liliana Lazzari Un canto di mare.

 

Organizza “incontri culturali a tema” per parlare del suo fatto artistico: nel 2008 “Quando l’arte figurativa incontra la poesia” – lezione spettacolo nell’ambito del Corso di Perfezionamento e Aggiornamento per insegnanti d’italiano all’estero – Aula Magna Università per Stranieri di Perugia;

 

Nel 2009, “una via per elevarsi al cielo”, esperienza mistica della Beata Angela da Foligno (settimo centenario dalla morte della Beata Angela) Incontro organizzato dall’Ordre International des Anysetiers – Hothel Plaza “Sala Galeazzo Alessi” Perugia.

 

Il 4 gennaio 2011, presso la Sala San Francesco Palazzo Arcivescovile di Perugia, l’ Associazione Nazionale Convegni Culturali “MARIA CRISTINA” Convegno di Perugia – Realtà Fede Arte a Confronto – organizza l’Incontro: Immagini femminili nell’arte, “Divenni NON-AMORE” (Beata Angela).

 

19 agosto 2010 Abbazia di San Felice, Associazione “Amici della terra di Giano”, intervento – Conferenza – proiezione di disegni sulla Beata Angela da Foligno, relatore Prof: Emore Paoli.

 

Nel 2002 fa parte della giuria tecnica al 1° CONCORSO ARTI VISIVE “IL CORIMBO” presso la Sala Sant’Antonio a Torgiano.

 

Nel 2007 presiede al V° CONCORSO DI ARTI VISIVE “IL CORIMBO” presso la Sala del Dottorato del Museo Capitolare di Perugia.

 

Nel giugno 2010 presiede al I° Concorso di Pittura Estemporanea “Un quadro in un giorno” Roccaporena di Cascia.

 

È vastissima e qualificante la sua produzione, soprattutto in tematiche mistico-teologiche. In questo ambito si aggiungano le opere pubblicate presso Edimond, Città di Castello: Angela da Foligno. La vera povertà (2001) e Rita da Cascia. Tra storia e tradizione (2002).

 

A cantare davvero, e in purezza di cuore, tutto il resto scompare: non rimane che spazio, stelle e voce (Mandel’štam).

 

Ogni ricerca in purezza di cuore è un canto che attraverso la voce conduce oltre le apparenze. Allora anche insegnante e allievo, artista e fruitore si scambiano le parti, e la Verità insegue il ricercatore.

 

GIOVANNA BRUSCHI - Via Luigi Einaudi 19 06125 Perugia (PG) - 075 5847724 - 342 5752486 giovanna.bruschi@libero.it c.f. : BRSGNN45D41G478E -